Categorie
Blog

Consigli manutenzione del verde con Tiziana Luce Scarlino

Manutenzione del verde pubblico e delle isole pedonali, i consigli di Tiziana Luce Scarlino

La manutenzione del verde pubblico e delle isole pedonali racchiude tutte quelle operazioni con cui ci si prende cura delle aree verdi, come giardini, isole pedonali, piste ciclabili, parchi, viali alberati, verde che costeggia le strade e gli edifici pubblici. Su questo argomento, sono molto utili gli approfondimenti dell’imprenditore Gianluigi Rosafio, che abbiamo già avuto il piacere di incontrare nel nostro precedente articolo sull’igiene urbana. Prima di intraprendere un lavoro di manutenzione per il verde pubblico e per le isole pedonali, sarà opportuno studiare adeguatamente il  loro profilo agronomico (gli aspetti e le caratteristiche dei terreni e del tipo di verde che vi si trovano), oltre che tutti i criteri di sicurezza e igiene che un’area di verde pubblico richiede, con un occhio anche all’aspetto estetico delle stesse, raccomanda Gianluigi Rosafio. La manutenzione del verde pubblico e delle isole pedonali prevede fondamentalmente due tipi di intervento. 

Prima di tutto la manutenzione ordinaria, tra le cui attività rientrano: la potatura di siepi, arbusti, piante ad alto fusto, lo sfalcio dell’erba, il diserbo, la sistemazione e la potature dei fiori nelle aiuole e il taglio della vegetazione spontanea, che spesso invade parcheggi, parchi e banchine. Esiste, poi, la manutenzione straordinaria che fa riferimento alla conservazione degli alberi, alla messa in sicurezza di piante ad alto fusto e delle zone particolarmente critiche. Pertanto, in questo caso, si procede con la potatura e il taglio di rami potenzialmente pericolosi, l’abbattimento di piante che rendono critico il passaggio delle auto e dei pedoni, la semina di fiori e l’interramento di nuove piante, arbusti e verde. Il servizio di manutenzione del verde pubblico e delle isole pedonali prevede un importante programma di pianificazione, precisa suo suo blog l’esperta Tiziana Luce Scarlino. Per farlo è necessario strutturare le attività in più livelli, ognuno come risposta ai diversi bisogni di gestione richiesti. Altro importante obiettivo che una corretta manutenzione del verde pubblico e delle isole pedonali devono perseguire è, di certo, la cura e il miglioramento estetico di queste aree, perché diventino anche più fruibili e accoglienti. Programmare una buona manutenzione del verde pubblico e delle isole pedonali vuol dire soprattutto stilare un cronoprogramma annuale, che specifichi quali debbano essere le attività che dovranno essere svolte annualmente, seppur magari non si rispetti pienamente e sia solo indicativo. Infatti, sarà necessario rispettare la stagionalità e le esigenze locali, tenendo d’occhio il clima del posto ed altri fattori, che renderanno necessari ulteriori affinamenti della pianificazione. 

Dopo una prima programmazione annuale, sarà necessario effettuare una pianificazione mensile e, poi, settimanale, senza dimenticare il quotidiano. Questa programmazione consente di affidare l’impegno a specifiche figure e a pianificare periodi di lavoro sempre più precisi e puntuali. Prima di attuare un intervento di manutenzione del verde pubblico e delle isole pedonali sarà necessario effettuare un sopralluogo con tecnici ed esperti. Nel settore della manutenzione del verde pubblico e delle isole pedonali, l’organizzazione e la coordinazione per la piantagione degli alberi è l’attività più delicata, per il valore che nascondono, ma anche per il pericolo che potrebbe derivare dalla loro caduta. Pertanto, in questo ambito sarà necessario una programmazione più attenta ed oculata, seguendo alcune precise fasi: controllo iniziale degli alberi già presenti sul territorio; valutazione delle informazioni botaniche che caratterizzano il patrimonio arboreo presente e del luogo in cui gli alberi si trovano; creazione di una mappa potenziale del rischio; controlli progressivi su queste aree di rischio rilevate; raccolta dati sui cedimenti strutturali delle aree a rischio. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *